Osteopatia è Professione Sanitaria. Terminato l’iter normativo

Con la pubblicazione del decreto interministeriale del Ministero dell’Università e della Ricerca (MUR) si è concluso l’iter di riconoscimento dell’osteopatia come Professione Sanitaria

Giornata storica quella del 04 Dicembre 2023 per l’Osteopatia in Italia. Con la pubblicazione del decreto interministeriale del Ministero dell’Università e della Ricerca (MUR) si è concluso l’iter di riconoscimento dell’osteopatia come Professione Sanitaria. Un lungo percorso iniziato nel 2018 che ha visto numerosi tavoli tecnici, incontri ministeriali per arrivare prima al profilo professionale dell’Osteopata (già pubblicato in Gazzetta Ufficiale) ad opera del Ministero della Salute, in quel momento presieduto dal Ministro Speranza, per poi, in data 04.12.2023, concludersi con il decreto MUR relativo all’ordinamento formativo universitario dell’Osteopatia.

Leggi il decreto: https://www.mur.gov.it/sites/default/files/2023-12/Decreto%20Interministeriale%20n.%201563%20dell%E2%80%991-12-2023.pdf

Con questo passaggio normativo l’Osteopatia entra ufficialmente tra le professioni sanitarie in Italia con una formazione che sarà erogata, d’ora in avanti, solo ed esclusivamente dalle Università italiane pubbliche e private accreditate dal MUR (con relativo test di ingresso e numero chiuso) in alternativa presso realtà/istituti esteri accreditati (ovviamente con percorsi fatti all’estero) così come avviene per le altre professioni già precedentemente riconosciute come la Fisioterapia e/o igiene dentale.

Ultimi passaggi saranno ora l’apertura dell’Albo degli Osteopatia all’interno del Ordine TSRM e la predisposizione del decreto attuativo sulle equipollenze per coloro già in possesso del titolo di studio.